AssoBenessere

Come eliminare le verruche: rimedi naturali e della nonna

Un problema fastidioso che colpisce tante persone sono le verruche, un inestetismo dermatologico e formazione cutanea cagionata dal virus del papilloma umano o dello Human Papilloma Virus della famiglia Papillomaviridae. Le verruche sono formazioni benigne costituite da un tessuto endogeno alimentato da vasi sanguigni, il virus penetra nel tessuto dell’epidermide e infetta la zona epiteliale, determinandone un’eccessiva velocità di auto replicazione. Il contagio del virus del papilloma umano avviene per contatto superficiale in luoghi pubblici molto frequentati come docce, palestre e piscine, in aree caldo-umide.

Le verruche si possono sviluppare in qualunque zona del corpo umano ma, spesso e volentieri, interessa in particolare alcune aree specifiche quali le mani, i piedi e le ginocchia. Trattamenti dermatologici tipici per la rimozione delle verruche includono procedure abbastanza dolorose, che possono aumentare il rischio di comparsa di cicatrici sulla zona interessata dal trattamento cutaneo.
Per ovviare a questa problematica, si può in alternativa ricorrere ai sani e genuini rimedi naturali “della nonna” per procedere con la rimozione delle verruche. E’ possibile evitare il trattamento medico-dermatologico relativo alla combustione, raschiatura, congelamento e laser, ricorrendo ai tradizionali e più risolutivi rimedi naturali. Scopriamoli insieme in questa guida.

Cause e classificazione delle verruche

Le verruche sono cagionate da una infezione virale denominato papillomavirus umano (HPV), che penetra nello strato più superficiale della pelle e infetta la zona endogena. L’aspetto della verruca varia a seconda della zona corporea colpita e del ceppo virale che l’ha cagionata; ci sono più di 60 ceppi che cagionano le diverse varietà di verruche che si sviluppano sugli esseri umani. Le verruche vulgaris hanno lo stesso colore del tessuto epiteliale e si distinguono dalla tipica superficie ruvida mentre, quelle plantari sono di colore nero e compaiono solo sulla pianta del piede. Le verruche plantari tendono a essere più morbide, sono dolorose a causa della pressione esercitata sulla pianta del piede, durante la deambulazione. Tra i vari tipi di verruche, occorre prendere in considerazione:

  • quelle giovanili o piane, le cui dimensioni sono medie e si sviluppano sulle ginocchia, le braccia o le mani
  • quelle genitali che compaiono sugli organi genitali maschili e su quelli femminili
  • quelle palmari che compaiono sul palmo della mano
  • quelle plantari compaiono sulle piante dei piedi.

Per quanto concerne le cause che principalmente cagionano le verruche, occorre considerare che il virus HPV è presente, soprattutto, nei luoghi pubblici come palestre e piscine dove è presente un elevato tasso di umidità. La carenza di igiene ed il fatto che un soggetto sfiori o tocchi una superficie precedentemente infettata da un soggetto affetto da verruche, incrementa la percentuale ed il rischio di maggiore esposizione. Quindi, è necessario lavarsi sempre bene le mani quando si frequentano i luoghi affollati e comuni e, soprattutto, evitare di toccare troppo le superfici e gli oggetti comuni dei locali pubblici. Ovviamente, le mani sono la parte più esposta e veicolo di trasmissione del virus HPV: gli stessi bambini sono i soggetti che risultano essere più colpiti dall’inestetismo delle verruche, in quanto sono i soggetti che sono “più deboli” dal punto di vista del sistema immunitario. Vediamo ora come eliminare le verruche.

Cure e rimedi naturali contro le verruche

Esistono dei rimedi e delle cure naturali che possono aiutare a guarire e prevenire l’inestetismo delle verruche? Sicuramente sì, oltre i trattamenti convenzionali “invasivi” e dolorosi a cui ci si può sottoporre quali il congelamento, taglio e combustione, ci sono i famosissimi “rimedi della nonna” assolutamente naturali, semplici e poco onerosi. I trattamenti sopra citati, infatti, comportano un esborso di denaro non indifferente e, moto spesso, non è detto che siano risolutivi.

Anzi, la maggior parte delle volte, questi trattamenti si rivelano inefficaci e comportano la comparsa di cicatrici perenni sull’epidermide. Come rimediare e curare naturalmente le verruche? Per prima cosa, dato che le verruche sono cagionate dal Virus HPV, sicuramente il vostro organismo sarà indebolito: occorre rafforzare il sistema immunitario seguendo un’alimentazione ricca di fibre, vitamine, latticini, sali minerali. Cereali integrali, legumi, semi oleosi, verdure, lievito fresco, agrumi, uova, funghi sono tutti ottimi cibi salutari consigliati per rinforzare le difese immunitarie.

Rimedi della nonna per le verruche, come eliminarle

Si passi alla cura topica ed al trattamento della zona epiteliale colpita dal virus, occorre disinfettarla con delle fettine di limone fresco. Si proceda ad asciugare con un battufolo di cotone idrofilo la zona dove è presente la verruca: si stendano delle fettine sottili di polpa di patata e si strofini per 10-15 minuti almeno due/tre volte il giorno. Questo trattamento applicativo deve essere eseguito con costanza e, dopo aver lavato e disinfettato la parte infetta, per un lasso di tempo variabile (circa 10/20 giorni, a seconda della gravità).

Altro validissimo rimedio naturale per curare le verruche è quello di applicare il lattice di fico o la celidonia o un composto di estratti di parietaria e di lattice di fico per trattare topicamente la zona infettata dalla verruca. Anche gli impacchi di argilla possono aiutare ad un più rapido sollievo dal dolore e ad una più veloce guarigione naturale. Questi suggerimenti sono rimedi naturali che possono essere combinati tra loro per potenziare l’efficacia del trattamento fitoterapico.

Aiutaci e condividi!